DissipatoriGPUHardware

Recensione Arctic Twin Turbo II

Ritorniamo in questi giorni a parlare di Arctic. La nota ditta in campo hardware ci propone il nuovo sistema di raffreddamento attivo destinato a schede di medio-alto profilo: Arctic Accelero Twin Turbo II. Il prodotto si mostra come una nuova rivisitazione del vecchio Twin Turbo, potenziato nelle caratteristiche ed adattato alle esigenze delle nuove schede prodotte sia da Nvidia GeForce che da AMD Radeon.

Packaging

Troviamo subito un nuovo modo di proporre i propri prodotti da parte di Arctic. I nuovi package per dissipatore consistono in una custodia di plastica trasparente che integra chiusure ad incastro e gancio per l’esposizione oltre fungere da vetrina a 360°. L’involucro è sagomato al dissipatore così da garantire il minimo ingombro anche se a discapito di una totale protezioni agli urti.

Il package è adornato con cartoncini sia sul frontale che sul posteriore che mostrano le principali caratteristiche, miglioramenti e il contenuto del bundle.

Dissipatore

La cover del dissipatore è costrutita in materiale plastico, lo stesso che Artic usa nella maggior parte dei suoi prodotti. Essa è fissata al radiatore esclusivamente da due piccole grappe a incastro laterali e supporta le due ventole da 92 mm  a 11 pale. Le ventole sfortunatamente non sono rimuovibili dalla cover e quindi sono fissate in modo permanente. L’alimentazione di queste è affidata a un connettore a 4 poli o 3 poli a seconda del connettore che la propria scheda video ha.

Per chi già conoscesse i prodotti Arcitic, il radiatore utilizzato si rifà al già ben conosciuto Arctic Accellero, un dissipatore VGA passivo. In questo caso troviamo una variante a 5 heat pipe da 6 mm ricoperti in rame che uniscono 35 lamelle in alluminio da 0.4 mm. Il tutto confluisce in una base in rame dove è già pre-applicato uno strato di pasta termica prodotta da Arctic. Non gradita la mancanza di una pellicola protettiva a copertura della base e della pasta termica, utile agli utenti più sbadati.

La base è già predisposta con un sistema di fissaggio semi-universale sia per AMD Radeon che per Nvidia GeForce. La lista delle compatibilità è presente sulla guida.

Bundle

Il bundle è dei più ricchi e disposto in due zone. Nella scatola troviamo la guida per il montaggio, il kit viti, distanziali e guarnizioni per il fissaggio, pasta termica bi-componente e paletta rigida.

Fissata alla base del dissipatore, una seconda cover in plastica trasparente contenente diversi tipi di dissipatori passivi, un adattatore molex 4 pin per le ventole e due griglie per gli slot Pci.

Montaggio

Seguendo la guida i passi sono semplici ma comunque l’utente da parte sue deve avere una piccola dose d’esperienza e calma per non cominare guia, vista la delicatezza delle vga. Una volta ottenuta la scheda video sprovvista del dissipatore originale e ripulita della vecchia pasta termica, è l’ora di applicare i dissipatori passivi dove serve cioè sui chips memoria e chips alimentazione. Diversamente da quanto visto in passato Arctic non fornisce più dissipatori passivi con pad adesivo ma da in dotazione una nuova pasta termica bi-componente che funge da collante tra dissipatore e chips oltre che svolgere il ruolo di conduttore termico.

La preparazione prevede la semplice miscelazione delle due pasta per 5 minuti e la successiva applicazione. E’ consigliato dal produttore e verificato da noi stessi, che dopo l’applicazione bisogna lasciar riposare la pasta per 5 ore. Il mancato riposo o la sbagliata applicazione causeranno il distacco dei dissipatori.

Seguendo la guida i passi sono semplici ma comunque l’utente da parte sue deve avere una piccola dose d’esperienza e calma per non cominare guia, vista la delicatezza delle vga. Una volta ottenuta la scheda video sprovvista del dissipatore originale e ripulita della vecchia pasta termica, è l’ora di applicare i dissipatori passivi dove serve cioè sui chips memoria e chips alimentazione. Diversamente da quanto visto in passato Arctic non fornisce più dissipatori passivi con pad adesivo ma da in dotazione una nuova pasta termica bi-componente che funge da collante tra dissipatore e chips oltre che svolgere il ruolo di conduttore termico.

La preparazione prevede la semplice miscelazione delle due pasta per 5 minuti e la successiva applicazione. E’ consigliato dal produttore e verificato da noi stessi, che dopo l’applicazione bisogna lasciar riposare la pasta per 5 ore. Il mancato riposo o la sbagliata applicazione causeranno il distacco dei dissipatori.

Test

La scheda da noi utilizzata è una Nvidia GeForce GTX460 1gb. I test saranno effettuati a banchetto seguendo le seguenti modalità:

  • Monitoraggio in situazione idle 700 mhz a 1.025 v
  • Monitoraggio in situazione full load 700 mhz a 1.025 v
  • Monitoraggio in situazione idle 850 mhz a 1.050 v
  • Monitoraggio in situazione full load 850 mhz a 1.050 v

L’utility di test utilizzata è FurMark in modalità burn 720 p, sufficiente per utilizzare al 100% la nostra gpu per una durata di 2 minuti e 30 secondi. La temperatura ambiente durante i test era di circa 21/22 °C.

Considerazioni

 test hanno mostrato un netto miglioramento delle temperature soprattutto in condizioni di forte stress con una drastica riduzione di oltre 20 °C oltre ad un abbassamento dell’impatto sonoro delle ventole. La combinazione di due ventole da 92 mm, invece della singola 60 mm stock, ha reso il sistema inudubile anche quando portato al massimo degli rpm (2000). Diversamente il sistema stock arrivato alla rotazione di 3000 rpm incomincia ad essere udibile e superati i 3400 anche fastidioso.

Grazie alle conderazioni fatte AC Twin Turbo II si propone anche come un ottimo compromesso tra le soluzione destinata all’overclock, riuscendo a mantere le temperature d’utilizzo, sotto un overclock discretamente spinto, under 60°C è un ottimo risultato.

Ricordiamo che Twin Turbo II rimane un dissipatore adatto anche a schede di ben altra mole quali GTX580 e controparti AMD. In questi frangenti è consigliato come sostituto del dissipatore stock per efficenza e rumorosità ma non ci permettiamo di raccomandarlo sotto il lato dell’overclock. In questo frangente troviamo il suo fratello maggiore Accelero Extreme.

A conti fatti Arctic Accelero Twin Turbo II si mostra come un ottimo dissipatore, particolarmente raccomandato per schede di medio-alto livello, sotto tutti i punti di vista. Troviamo un netto miglioramente rispetto ai dissipatori stock sia in temperature che rumorosità ed è in allineamento con la concorrenza soprattutto visto che è reperibile sul mercato italiano al prezzo di 35€ e l’ampio bundle di cui è composto.

Punto dolente sono i materiali costruttivi che non godono di grande pregi, visto che si parla di plastica rigida per la cover ed alluminio ed heatpipe senza particolari trattamenti. Altro neo risiede nell’ingombro di ben 3 slot pci.

Per concludere, il particolare rapporto prestazioni/prezzo di Arctic Twin Turbo II lo rende un prodotto da tenere a mente per tutti coloro che desiderano rendere più silezioso e meno caldo il proprio sistame gaming a singola scheda video.

Ringraziamo ARCTIC per averci fornito il prodotto

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close